made in Italy, stile o produzione?

Uno dei dibattiti più accesi e controversi quando si parla di made in Italy é il rapporto tra questi e la globalizzazione.

Nel mercato globale la delocalizzazione é compatibile con la dicitura “made in Italy”  oppure ne é la più viva delle contraddizioni?

Emblematica é la storia di Xu Qiu Lin, imprenditore e “celebrità” di Prato, salito alla ribalta della cronaca locale in quanto primo dei cinesi – comunità di solito molto schiva e riservata – ad essersi iscritto in Confindustria.

L’ azienda di “Giulio” (tutti a Prato lo conoscono con questo nome) realizza giubbotti di pelle e di stoffa, producendo in Cina ma destinando alle funzioni amministrative e commerciali professionisti rigorosamente italiani.

“La mia azienda é italiana” – afferma convinto Giulio – “perchè il made in Italy é lo stile, la moda. E io ho bisogno del gusto italiano, dello stilista italiano che sappia disegnare e creare un modello. La produzione no, quella viene fatta fuori.”

Per Giulio, il made in Italy é una vera e propria missione, tant’ é vero che la sua filiale in Cina si occupa non solo di produrre giubbotti ma anche di venderli e comunicarli, rafforzando la passione cinese per i prodotti italiani.

“Perchè i cinesi vanno pazzi del made in Italy.”

Una missione, che diventerà più facile da realizzarsi con la prossima apertura a Nanchino di un grande spazio interamente dedicato al made in Italy, voluto, progettato e realizzato proprio da Giulio.

Insomma, una storia molto particolare e che fa riflettere.

Voi che ne pensate?

Simone Di Gregorio

Annunci

2 risposte a “made in Italy, stile o produzione?

  1. Pingback: Il made in Italy di Xu Qiu Lin : www.italoblog.it

  2. A me questa sembra una gran fregnaccia…una bella storia da raccontare per far vedere come si integrano gli stranieri. Bene, anzi, benissimo.
    Ma se parliamo seriamente e di cose tangibili, mi chiedo: dove sta il vantaggio di vendere un Made in Italy, prodotto in Cina , ai cinesi?
    Forse ci guadagnerà l’imprenditore italiano ( o cinese) che ci sta dietro, ma per il paese Italia, dove sta il vantaggio? Fatemelo sapere perchè io non lo capisco. Un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...