Approvato il pacchetto anti-crisi, pronti nuovi investimenti in tecnologia e conoscenza

fabbrica-pannelli-solari-catania-catagirone

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla manovra estiva, un decreto legge in 25 articoli che contiene misure importanti a sostegno delle aziende e per il riavvicinamento al mondo del lavoro di quanti il lavoro lo hanno perso in questi mesi di declino economico.

Ci sono a mio avviso due punti molto importanti.

Da una parte, la volonta’ di detassare del 50% gli utili reinvestiti dalle aziende in nuovi macchinari ed apparecchiature.

Dall’ altra, la decisione di fornire alle imprese incentivi per finanziare progetti di formazione da destinarsi alla riqualificazione del capitale umano: il target dei progetti formativi saranno i lavoratori in cassa integrazione. Da notare come questa misura somigli per certi versi alla proposta del Senatore del Pd Ichino, che immagina percorsi di apprendimento e aggiornamento per i lavoratori licenziati a carico delle imprese.

In ogni caso, sullo sfondo sembra profilarsi l’ intenzione di accompagnare imprese e risorse umane verso un nuovo modello di sviluppo economico positivamente sbilanciato verso l’ innovazione e professioni a piu’ alto contenuto di conoscenza.

Voi che ne pensate?

Simone Di Gregorio

Annunci

3 risposte a “Approvato il pacchetto anti-crisi, pronti nuovi investimenti in tecnologia e conoscenza

  1. Pingback: Approvato il pacchetto anti-crisi, pronti nuovi investimenti in …

  2. Dalla mia esperienza posso dire che le persone che hanno più difficoltà a ri-collocarsi nel mercato del lavoro sono gli uomini dai 45-65 anni, persone che in qualche modo hanno esaurito il loro ruolo nelle aziende, sono persone di indubbia esperienza ma per certi versi non concorrenziali ai giovani più esperti e con meno pretese. Nonostante il capitale umano è la cosa più importante nei fatti superati i 40 anni, si rischia i divenire un peso. Non so se questa legge aiuti realmente , non vorrei che fossero dei corsi per un ruolo provvisorio

  3. Ciao Carmine.
    Tocchi una questione molto grave. Le aziende corteggiano i cosidetti “baby boomers” quando sono consumatori ma quando si tratta di persone in cerca di lavoro spesso chiudono loro le porte.
    Spero anche io che questi progetti formativi abbiano un occhio di riguardo per questa categoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...